Anoressia maschile

Anoressia maschileL’anoressia maschile è un fenomeno meno conosciuto di quella femminile, ma non per questo meno grave. I  disturbi alimentari sono in crescita e nei  maschi, che rappresentano il 25 % dei casi, la crescita è più elevata che nelle femmine. L’anoressia maschile riguarda il 10% dei casi di anoressia.

Non a caso il DSM-5  (Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali) ha modificato i criteri clinici per l’anoressia, in modo da renderli più adattabili anche a una popolazione maschile, ad es. escludendo l’amenorrea fra i criteri clinici.

Anoressia maschile

Nei maschi l’età di esordio dell’anoressia è più elevata che nelle femmine, fra i 15 e i 20 anni, ma anche oltre i 30.

Il rifiuto del cibo nelle ragazze si presenta subito ed è molto evidente. Nei maschi invece non compare inizialmente, ma prende piuttosto la forma di una modificazione del regime alimentare che diventa gradualmente iperproteico e ipocalorico. In alcuni casi vengono con utilizzati anche integratori che aumentano la massa muscolare. Minori sono pure la preoccupazione relativa al peso, e infatti l’indice di massa corporea è più elevato.

Possono essere presenti esercizio fisico svolto in modo maniacale e un’attenzione ossessiva per la propria massa muscolare. Attenzione che non si attenua nemmeno se mette a repentaglio la loro salute.

La dismorfia muscolare

La dismorfia muscolare, che nel DSM-5  compare come specificatore del disturbo di dimorfismo corporeo, ha delle caratteristiche che l’avvicinano e sono sovrapponibili all’anoressia maschile.

Questo disturbo è caratterizzato dall’eccessiva preoccupazione del proprio aspetto fisico con la convinzione che il proprio corpo non sia sufficientemente asciutto e muscoloso. Questa preoccupazione, oltre all’eccessiva attenzione all’esercizio fisico e alla dieta, è caratterizzata da altri elementi:

rinunciare ad attività lavorative o sociali a causa dell’impellente necessità di seguire allenamenti e dieta controllata.

Evitare situazioni in cui viene esposto il corpo, o provare forte disagio se non si possono evitare.

Provare disagio legato all’eccessiva preoccupazione del proprio grasso corporeo, della propria muscolatura e delle dimensioni del fisico.

Esercitare una continua azione di controllo sulla dieta e l’esercizio fisico, cui seguono manifestazioni fisiche o psicologiche negative.

I sintomi dell’anoressia maschile

Esiste una forte relazione fra la sintomatologia della dismorfia muscolare e i disturbi alimentari. E’ stato infatti dimostrato che la dismorfia ha caratteristiche ossessivo compulsive simili all’anoressia. Gli uomini che cercano un corpo eccessivamente muscoloso mostrano un profilo psicologico simile alle persone con un disturbo  dell’alimentazione, quindi perfezionismo e preoccupazione relativa all’immagine corporea, alla dieta e all’esercizio fisico.

Le caratteristiche di un uomo che soffre di anoressia non sono facile da identificare. Alcuni sintomi possono infatti essere confusi con un semplice bisogno di essere in forma, di curare il proprio corpo. Inoltre un maschio anoressico non presenta un calo dell’autostima come accade alle ragazze.

Tuttavia, gradualmente compaiono i sintomi tipici dell’anoressia:

  • l’ansia al momento del pasto,
  • il vedersi in sovrappeso anche se si è chiaramente sottopeso,
  • il terrore di ingrassare
  • l’uso di farmaci per dimagrire.

Possono inoltre presentarsi altre patologie:

 

Fattori predisponenti

Famiglie problematiche, storie di abusi.

Genitori perfezionisti, che pongono richieste eccessive al ragazzo.

Problemi di sovrappeso in passato, da cui il terrore di ingrassare.

Disagio sociale, rapporto difficile con il gruppo dei pari.

Aver subito atti di bullismo.

In generale, sarebbe presente un’alterazione del rapporto con l’altro, inteso come riferimento rispetto a cui definire la propria identità. Disconferme da parte di persone significative dal punto di vista affettivo possono portare la persona, in mancanza di riferimenti alternativi, a trasformare il corpo in un elemento in grado di dare stabilità.

 

La cura

Per una cura efficace occorre la collaborazione di diverse figure professionali, quindi un medico, un dietologo, uno psicologo, e uno psichiatra se sono presenti patologie importanti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*