L’amante nel triangolo amoroso

L’immagine dell’amante

Nella nostra società l’immagine dell’amante, cioè la persona che ha una relazione con qualcuno che è già sposato o comunque impegnato, è sempre stata valutata negativamente, ma questa valutazione vale essenzialmente per le donne.

Sebbene gli uomini abbiano tradito la partner molto più di quanto le donne abbiano fatto, l’adulterio maschile è stato tollerato, quando addirittura ammirato, mentre il marito tradito veniva spesso deriso e commiserato. L’adulterio femminile era invece considerato scandaloso e riprovevole.

Oggi l’infedeltà femminile è valutata in modo meno negativo che in passato, gli uomini sono più tolleranti, mentre le donne, secondo alcune ricerche americane, continuano ad essere più severe verso l’infedeltà sia maschile che femminile.
L’immagine più diffusa dell’amante è quella di una donna che si innamora di un uomo impegnato e aspetta che lui lasci la compagna per stare con lei. Gli uomini che tentano di sedurre un partner già impegnato sono più delle donne, ma il loro scopo è vivere un’avventura o un rapporto di breve durata, mentre le donne tendono a stabilire relazioni più durature.

 

La condizione dell’amante

Le donne che hanno una relazione con un uomo sposato vivono una condizione difficile, dovendo adattare la propria vita agli impegni del partner per mantenere in piedi il rapporto. Inoltre tendono a sacrificare il loro futuro per la relazione, in vista di un cambiamento che spesso non si realizza affatto (solo il 10% degli uomini lascia la propria compagna per l’amante). Si tratta quindi di una relazione che può essere appagante ma contiene sempre una dose di frustrazione e sofferenza più o meno elevata, che però le donne, per vari motivi, hanno difficoltà ad interrompere.

 

Perché non chiudere la relazione?

  • Una delle ragioni è il frequente utilizzo di due meccanismi di difesa, la razionalizzazione e la negazione: attraverso la prima l’amante si convince che lui non è felice, che è solo un “separato in casa”, che non ha più rapporti sessuali, e che alla fine lascerà la famiglia per stare con lei; attraverso la negazione rifiuta l’idea che lui possa rimanere con la moglie perché in realtà è questo che desidera. E’ quindi la moglie che ritengono responsabile della sua indecisione e della sua infelicità.
  • Un altro motivo è il differente modo con cui le donne e gli uomini vivono la relazione: se per l’uomo l’aspetto sessuale mantiene un ruolo centrale, le donne apprezzano maggiormente l’interezza della persona, vogliono essere amate nella loro interezza. L’investimento nel rapporto è dunque più emotivo e significativo.
  • Un caso molto diverso è invece quello delle donne a cui questo tipo di relazione sta bene perché non vogliono stabilire dei legami matrimoniali, o comunque impegnativi, e preferiscono mantenere la loro libertà di single.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*