Il disturbo ossessivo-compulsivo

Risultati immagini per disturbo ossessivo compulsivoLa caratteristica del disturbo ossessivo compulsivo, è la presenza di pensieri, immagini, parole, impulsi che si presentano in modo ripetitivo e ineliminabile, delle quali la persona riconosce l’irrazionalità e da cui tenta di difendersi attraverso meccanismi di difesa.
La persona riconosce come propri tali contenuti, e ciò le provoca una forte angoscia.

Criteri diagnostici del disturbo ossessivo compulsivo

Secondo il DSM-5 (Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali)
la diagnosi di disturbo ossessivo-compulsivo (OCD) prevede quattro criteri specifici (da A a D) che devono essere soddisfatti.
Il criterio principale (A.) riguarda la presenza di ossessioni e/o compulsioni.
Le ossessioni sono costituite da pensieri, impulsi o immagini ricorrenti e persistenti. I pensieri intrusivi e indesiderati, non meno degli impulsi e delle immagini, possono generare sofferenza e ansia.
Le compulsioni sono atti mentali o comportamenti ripetitivi, stereotipati, ritualistici volti a prevenire e/o ridurre il disagio e l’ansia associati ai pensieri ossessivi, agli impulsi o alle immagini. Sono quindi la diretta conseguenza delle ossessioni.
Criterio B le ossessioni e le compulsioni occupano una parte significativa del tempo, per es., più di un’ora al giorno, o provocano un disagio significativo o problemi in ambito lavorativo, sociale o altro contesto;

Criterio c. I sintomi non sono attribuibili agli effetti di droga, farmaci, o a una qualche condizione medica.
D. le manifestazioni non devono soddisfare i criteri per un altro disturbo mentale.

Forme di ossessioni compulsioni

Ossessione da contaminazione

Chi soffre di questo disturbo è continuamente preoccupato che lui o i suoi familiari, possano entrare in contatto con oggetti sporchi e/o che possono portare malattie. Le sostanze temute possono essere la sporcizia vera e propria, ma anche sostanze diverse come le sostanze chimiche, i saponi, tutte le secrezioni corporee. Deve quindi evitare oggetti o luoghi non puliti, ma anche le mani delle persone e, in generale tutto ciò che può essere contaminante. Se ciò avviene, è costretto, per tranquillizzarsi, a una serie di rituali consistenti in lavaggi, pulizia, disinfezione, molto dettagliati, che possono durare qualche minuto o occupare molto tempo.

Ossessione da controllo

tipo di ossessione riguarda il timore continuo che possa avvenire qualcosa di grave, disgrazie o incidenti, oppure di aver fatto o di poter fare del male a qualcuno. La persona deve quindi effettuare controlli non necessari e prolungati che possono impedire che tali disgrazie avvengano, oppure per verificare che non abbia fatto del male a qualcuno e che possa non ricordarlo. Devono quindi controllare se hanno chiuso il rubinetto del gas, le porte, le finestre, le portiere o le luci della macchina, e così via. Hanno inoltre bisogno di controllare di non avere danneggiato qualcosa o qualcuno, investito involontariamente qualcuno con la macchina, di non avere tracce di sangue addosso.

Ossessione da superstizione

si tratta di una forma di pensiero superstizioso all’estremo. La persona pensa che l’esito degli eventi sia determinato dal compiere o non compiere certi gesti, pronunciare o non pronunciare determinate parole, vedere alcune cose particolari come carri funebri, cimiteri, manifesti mortuari, colori, numeri, suoni. La persona può anche pensare che pensare a eventi negativi mentre compie determinate azioni possa far sì che questi si realizzino, e deve quindi ripetere l’azione pensando a qualcosa di positivo o usando qualche rituale che annulli l’effetto negativo.

Ossessione da ordine e simmetria

in questo disturbo il bisogno di ordine e simmetria è assoluto. Gli oggetti devono essere allineati, ordinati. Chi ne soffre non tollera assolutamente che gli oggetti siano posti in modo anche minimamente disordinato o asimmetrico, perché ciò gli procura una sgradevole sensazione di mancanza di armonia e di logicità. Libri, fogli, penne, asciugamani, videocassette, cd, abiti nell’armadio, piatti, pentole, tazzine, devono risultare perfettamente allineati, simmetrici e ordinati secondo una sequenza logica (es. dimensione, colore, ecc.). Quando ciò non avviene queste persone passano ore del loro tempo a riordinare ed allineare questi oggetti, fino a sentirsi completamente tranquilli e soddisfatti. Le ossessioni di ordine e simmetria possono riguardare anche il proprio corpo. Muscoli, pettinatura dei capelli, colletto e polsini della camicia, orologio sul polso, portafoglio in tasca, devono risultare ancora una volta “perfetti” e simmetrici, pena ripetuti rituali di messa in ordine o di controllo allo specchio.

Fattori di rischio

Le ipotesi prendono in considerazione fattori neurobiologici, genetici e infettivi.

Per quanto riguarda le cause psicologiche possono influire:

eventi stressanti
importanti transizioni nel corso della vita

lutti
gravidanza

abusi fisici e sessuali

Spiegazione psicodinamica

L’ossessione nasce, come tutti i sintomi nevrotici, quando un desiderio inconscio viene considerato inaccettabile dall’Io. Il conflitto viene risolto tramite l’utilizzo di meccanismi di difesa, in particolare la formazione reattiva e la razionalizzazione, che trasformano, mascherandolo, il desiderio inaccettabile. La persona diviene quindi cosciente dei suoi desideri, vivendoli però sotto forma di paure, che vanno tenute costantemente sotto controllo, da cui la rimuginazione e i rituali.
Non a caso, le ossessioni riguardano sempre i due grandi temi: la sessualità e l’aggressività

Trattamento

La terapia psicodinamica è la più consigliabile, in quanto consente di affrontare il disturbo alla radici.

Buoni risultati si possono ottenere anche con altre terapie, come quelle di orientamento cognitivista.

In alcuni casi può essere necessario un sostegno farmacologico.

Bibliografia
American Psychiatric Association, (2014) DSM-V Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, Raffaello Cortina, Milano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*