Disturbo d’ansia generalizzato

L’ansiaIl disturbo d’ansia generalizzato (DAG o GAD) è una delle forme cliniche dei disturbi d’ansia.

Chi ne soffre vive uno stato d’ansia continua, sproporzionata rispetto alle condizioni che la persona vive realmente, la quale ha estrema difficoltà a controllarla. Le preoccupazioni che assillano la sua mente possono riguardare molti aspetti della vita. Tuttavia l’ansia non si concentra su un oggetto o situazione specifiche, ma è presente in maniera costante, accentuandosi nei momenti più particolarmente significativi della vita. La persona è consapevole che la sua ansia è sproporzionata alla situazione che la preoccupa, non riesce, tuttavia, a non preoccuparsi.

Ne soffrono più le donne che gli uomini, e riguarda circa il 3-5 % della popolazione. Spesso è sottovalutato e, in alcuni casi particolarmente gravi, può aumentare il rischio di suicidio

Secondo il DSM 5(Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali) perché si possa diagnosticare un DAG occorre che tali preoccupazioni siano presenti quasi tutti i giorni per almeno sei mesi e devono essere presenti almeno due diversi ambiti di preoccupazione:

  • il soggetto deve avere difficoltà a controllare l’ansia
  • devono essere presenti almeno altri tre sintomi fra i quali irrequietezza, affaticabilità, difficoltà di concentrazione, irritabilità, tensione muscolare, disturbi del sonno.
  •  i sintomi devono raggiungere un’intensità tale da creare un disagio significativo alla persona, rendendole difficile lo svolgimento delle normali attività quotidiane.
  •  emicrania, palpitazioni e vertigini.

Spesso, per evitare le situazioni o le emozioni che percepiscono come pericolose, le persone con questo disturbo finiscono col crearsi uno stile di vita inibito, o comunque limitato, simile a chi soffre di fobie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*